Economia-analisi,previsioni

I PICCOLI COMUNI DELLA BULGARIA CON UNA FORTE INDUSTRIA SCALANO LA CLASSIFICA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI

Autore: Adrian Nikolov, Institute of Market Economics

Negli ultimi decenni, uno dei principali motori della crescita economica, soprattutto nelle regioni meno sviluppate del Paese Bulgaria , è il capitale straniero.
Gli investimenti e l’ingresso di nuove imprese nei mercati locali stanno trasformando la mappa regionale, per questo è particolarmente importante l’analisi dei fattori che determinano il successo delle singole regioni nell’attrazione.

Nel presente testo si considera la distribuzione degli investimenti esteri con accumulo a fine anno per il 2019 [1] nei comuni. È importante notare che questi dati rappresentano il volume totale degli investimenti esteri, non solo i flussi di investimenti in un determinato anno, con il quale vengono spesso confusi.

Entro la fine del 2019, il volume totale degli investimenti esteri nel paese ha raggiunto i 25,3 miliardi di euro, ovvero circa 0,4 miliardi in più rispetto all’anno precedente. La crescita moderata al vertice del ciclo economico è principalmente il risultato della contrazione dei flussi di investimenti negli ultimi anni.

VERSIONE INTERATTIVA DELLA MAPPA

http://www.265obshtini.bg/map/142

Come previsto, date le dimensioni e lo sviluppo dell’economia locale, quasi la metà – 12,6 miliardi di euro per il 2019 – degli investimenti esteri è nel Comune di Sofia. Dato il focus dell’economia della capitale sui servizi, la quota di investimenti nell’industria è relativamente piccola e la principale attrattiva per i capitali stranieri negli ultimi anni sono industrie come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’outsourcing e il commercio. Al secondo posto in termini di investimenti esteri c’è Burgas (1,8 miliardi di euro), Plovdiv (1,1 miliardi di euro), e il centro industriale Devnya è già davanti a Varna, con 817 contro 811 milioni di euro.

È anche impressionante che tra i comuni principali siano relativamente piccoli, ma con un’industria forte – il comune di Maritsa attira 270 milioni di euro, Botevgrad – 252 milioni di euro, Bozhurishte – 227 milioni di euro. In 22 comuni il volume accumulato di IDE è stato di oltre 100 milioni di euro, e in 137 sono prossimi allo zero, assenti oppure i dati sono riservati. È importante notare che il gruppo con i dati “nascosti” include comuni che si collocherebbero sicuramente in cima alla classifica – quelli di Srednogorie, ad esempio – ma poiché sono dominati da un grande investitore, i dati non sono soggetti a pubblicazione .
La distribuzione degli investimenti esteri pro capite dà un’idea dell’importanza del capitale straniero nelle economie locali. Il leader tradizionale in questo indicatore è Devnya, con 96mila euro pro capite, seguito da Galabovo con 60mila euro pro capite.
I comuni della periferia di Sofia sono già tra i primi 5, poiché a Bozhurishte il volume degli investimenti raggiunge i 27mila euro a persona, a Elin Pelin – 17mila euro, e 13mila a Kavarna. Tra i centri regionali, solo Stolichna (9,6 mila euro / persona) e Burgas (8,7 mila euro / persona) si collocano tra i primi dieci.
 La mappa mostra anche aree significative in cui gli investimenti stranieri sono praticamente assenti: ampie parti della Bulgaria settentrionale, in particolare lungo il Danubio, al confine con la Serbia, nonché nelle aree montuose.

L’accumulo di dati comunali nel progetto “265 storie di economia” ci permette di confrontare le dinamiche degli investimenti esteri tra il 2018 e il 2019. Tra i comuni con una quantità significativa di capitale locale [2] la crescita maggiore durante l’anno è Bozhurishte (140%), così come Karlovo (68%), Pleven (58%) e Vidin (34%).

Il ripristino dei flussi di investimento e l’attrazione di nuove imprese dopo la breve ma violenta crisi saranno tra i compiti seri delle amministrazioni locali nei prossimi anni. Per questo motivo, i dati per l’anno di crisi 2020 saranno di particolare interesse, soprattutto per poter valutare se alcune aree sono state interessate da deflussi di capitali.

[1] L’indagine statistica sugli investimenti diretti esteri dell’INS è annuale, completa e copre le imprese non finanziarie che hanno una partecipazione straniera registrata nel capitale dell’impresa dal 10 al 100% con interessi a lungo termine e influenza dell’estero investitore nella sua gestione. Il modulo statistico annuale fornisce informazioni sul volume degli investimenti diretti esteri al 31.12. dell’anno di riferimento.

[2] Qui tralasciamo i comuni dove gli investimenti esteri ammontano a diverse centinaia di migliaia o 1-2 milioni di euro, dove negli anni si sono verificati cali e aumenti di diverse centinaia per cento a seguito di piccolissime variazioni reali del volume degli investimenti

Fonte Infobusiness BCCI

Il tenore di vita del bulgaro continua a migliorare

Gli ultimi dati relativi alle entrate, alle spese e al consumo delle famiglie bulgare mostrano chiaramente che il tenore di vita nel paese e il benessere dei cittadini bulgari continuano a migliorare nel 2018. Questa tendenza è generalmente permanente dagli anni ’90, con l’eccezione di anni di crisi nel paese, ed è confermato da diversi indicatori:

1 / Non solo i guadagni nominali, ma anche gli aumenti reali crescono ad un buon livello.
Nel 2018 il reddito totale per famiglia è cresciuto del 7,6%, in termini reali (cioè dopo l’aggiustamento per l’inflazione dell’anno scorso) anche questa crescita è buona (- 4,7% differenziale). Le ragioni principali della crescita del reddito delle famiglie sono le due voci principali: salari e stipendi, che nell’ultimo anno sono aumentati rispettivamente del 10% e dell’11%.

È interessante notare che il reddito derivante da prestazioni e benefici sociali (esclusi i sussidi per i figli e i sussidi di disoccupazione) è diminuito significativamente lo scorso anno da $ 128 a persona nel 2017 a $ 57 nel 2018. tuttavia, ciò non significa che il governo abbia improvvisamente tagliato i trasferimenti sociali in modo significativo, ma che i gruppi vulnerabili si siano considerevolmente ridotti. In effetti, i benefici sociali di base legati alla so- Il reddito minimo garantito (GAM) è salito lo scorso anno, poiché la GAM stessa è passata da 65 BGN a BGN 75. La diminuzione della loro quota nel reddito totale delle famiglie è dovuta alle condizioni economiche favorevoli, all’alto tasso di occupazione e alla crescita dei salari, sempre più famiglie non dipendono dai trasferimenti sociali.

2 / la quota di cibo e bevande analcoliche nel bilancio complessivo delle famiglie è scesa dal 39,3% nel 2004 al 29,7% nel 2018, con quasi 10 punti percentuali, e per la prima volta nel 2018 scende al di sotto del limite del 30%. La quota di questi costi è stata tradizionalmente utilizzata come indicatore degli standard di vita e del benessere, poiché i costi degli alimenti sono essenziali e non possono essere eliminati – maggiore è la quota, maggiore è il tenore di vita -nisak. Tuttavia, nonostante il continuo trend di miglioramento, la Bulgaria è ancora lontana dai paesi sviluppati dell’Europa occidentale, dove questa quota è oltre 2 volte inferiore a quella della Bulgaria.

3 / Il bulgaro può permettersi di destinare una quota maggiore dei suoi costi per beni e servizi non essenziali. Ad esempio, la quota di spese per il tempo libero, l’intrattenimento, la cultura e l’istruzione aumenta dal 3,5% nel 2004 al 4,8% nel 2018. La quota dei costi di trasporto (compresi quelli per l’acquisto e la manutenzione della propria auto) benzina, ecc. sono aumentati dal 5,3% al 7,3% nel periodo in esame.

4 / Il reddito di una famiglia già consente di acquistare meno pane, patate, riso, ecc. e più carne, verdura e latticini, che è anche un segno di un tenore di vita più elevato. Con i dati NSI vediamo che la media pro capite di consumo di pane e pasta con 1,8 kg nel 2018 è diminuita rispetto al 2017, mentre aumenta il consumo di verdure con 2,7 kg di yogurt – 1,7 kg e di carne – con 1,5 kg. Pur essendo ridotti i consumi di pane e pasta, il prezzo della farina e dei prodotti correlati dall’autunno dello scorso anno è aumentato, causato probabilmente dal cattivo raccolto di grano.

Oltre a queste tendenze positive, i dati trasmettono anche alcuni messaggi preoccupanti. Ad esempio, parte del miglioramento del tenore di vita dovuto alla minore quota di cibo e bevande non alcoliche viene “consumata” dall’aumento dell’onere fiscale e previdenziale sui bilanci delle famiglie. Negli ultimi due anni, ciò è dovuto principalmente all’aumento dell’assicurazione pensionistica nel pilastro pay-as-you-go di 1 punto percentuale all’anno. Separatamente, nel lungo periodo dal 2004, le cause dell’aumento dei contributi e delle tasse e dei contributi di sicurezza sociale sono stati anche l’aumento delle prestazioni minime e massime di sicurezza sociale. Ovviamente, più persone lavorano nell’economia, maggiore è la quota di reddito salariale e, di conseguenza, quella dei costi fiscali e previdenziali. Dal confronto tra il 2004 e il 2018, la quota di reddito salariale nei bilanci delle famiglie è aumentata dal 40,2% al 55,0%, una crescita molto forte a causa della migliore situazione del mercato del lavoro e dell’alta occupazione negli ultimi anni.

Nel complesso, i dati del bilancio delle famiglie nel 2018 riflettono sia la ripresa dal ciclo economico in cui il paese è attualmente presente, sia la tendenza positiva a lungo termine al rialzo e il miglioramento del benessere dei bulgari. La fase ascendente del ciclo economico è associata a un aumento dell’occupazione, a maggiori guadagni salariali e, di conseguenza, a una minore dipendenza dai benefici sociali. Le tendenze a lungo termine dell’innalzamento del livello di vita si riscontrano principalmente nella minore parte della spesa alimentare, ma anche nella struttura del consumo stesso di generi alimentari di base. Questo aspetto positivo per il processo pubblico è relativamente lento e non si sente lo stesso, ma la tendenza è presente e sostenibile nel tempo.

In che modo il salario minimo dell’Europa influirebbe sulla Bulgaria?

 

Quando un’idea è dannosa ma populista, è accettata dal pensatore logico come il male necessario. Tuttavia, peggiora quando la stessa idea nociva, sempre per ragioni populistiche, inizia a “migliorare”. Questo sta accadendo con il salario minimo in questo momento a livello europeo.

In mezzo alla marea di promesse, dalla limitazione all’ingresso dei migranti e alla loro ridistribuzione equa in tutti gli stati membri, alla tassazione dei giganti di Internet e alle politiche climatiche, alla rinegoziazione degli accordi di base che hanno fondato l’Unione Europea (UE), anche la nuova politica del mercato del lavoro nell’Europa Centrale e la competitività dei nuovi Stati Membri, non sono sfuggiti al bombardamento sugli elettori europei nella campagna elettorale per l’elezione del nuovo Parlamento Europeo. Stiamo parlando, ovviamente, dell’idea di un salario minimo europeo, che ha trovato sostegno da entrambe le parti politiche in campo, sia di destra che di sinistra e, piu’ inaspettatamente, dal capo lista della lista di GERB.

Sono essenzialmente tre le proposte di introdurre un salario minimo paneuropeo. La prima proposta si basa sulla determinazione del salario minimo in misura proporzionale alla media di tutti i paesi europei, indipendentemente dal livello di sviluppo economico sociale dello Stato di appartenenza. Per esempio, questo è il concetto espresso dal vicepresidente della Commissione Europea Frans Timmermans, che propone di fissare al 60% la misura del salario minimo in ogni Stato membro rispetto al salario medio dello stesso Stato di appartenenza. La seconda proposta è portata avanti da Emmanuel Macron, il quale si dichiara favorevole ad un meccanismo condiviso ed unico a livello europeo, senza entrare nei dettagli dell’esatto modo di determinazione. La terza proposta di piu’ difficile applicazione, è sostenuta principalmente da candidati di alto profilo, la quale vorrebbe imporre uno stesso livello di salario minimo per tutti gli Stati Europei. Le motivazioni, da parte di tutte e tre le idee in campo, per la realizzazione di un salario minimo europeo, sono la difesa dai danni provocati dalle politiche neoliberiste, la lotta alle disuguaglianze sociali, la realizzazione di una equa giustizia sociale, ecc.

Ovviamente, l’introduzione di una sola di queste proposte per la determinazione del salario minimo europeo, specialmente nella sua versione piu’ estrema, non solo non risolverà i problemi per cui vorrebbe essere applicata, ma addirittura potrà aumentarli.
La proposta piu’ facilmente realizzabile, ovvero quella della fissazione del salario minimo europeo in misura del 60% del salario medio di ogni Stato membro, è la piu’ semplice da analizzare.
L’Istituto Nazionale di Statista raccoglie una volta ogni quattro anni le statistiche sulla struttura delle retribuzioni e del costo del lavoro. L’ultimo dato oggi disponibile risale al 2014 ed include la carica mediana dei redditi. Delle ultime quattro edizioni di questo studio, rileviamo che in Bulgaria il rapporto tra il salario medio e mediano è abbastanza costante: tra il 69-71%, che ci permette di calcolare con precisione il salario mediano relativo basato su quello della media. Dato che il salario medio lordo mensile nel 2018 è stato di 1.135 lev, viene stabilito il salario mediano nello stesso anno a circa 795 lev, di conseguenza, secondo l’approccio proposto per determinare le retribuzioni minime europee, quello relativo alla Bulgaria diventerebbe di circa 475 lev, quindi il salario minimo così calcolato risulterebbe inferiore a quello attualmente applicato in Bulgaria, pari a BGN 510. Nella fattispecie, pertanto, il salario minimo in Bulgaria, con l’applicazione della percentuale citata del 60%, si ridurrebbe rispetto all’attuale applicato, contrariamente a quanto affermato dalla maggior parte dei sindacati e dai politici di sinistra bulgari.

Probabilmente siamo ancora molto lontani dall’attuazione di un meccanismo così rigido come indicato nelle tre proposte a livello europeo ed un salario minimo dovrà essere il risultato di un accordo tra datori di lavoro, sindacati e governo di ogni Stato Membro. Sarebbe in ogni caso auspicabile che il meccanismo utilizzato facesse riferimento ad altri indicatori macroeconomici e non solo con una rigida e fissa percentuale, soprattutto nel caso della Bulgaria. Si ritiene anche di difficile realizzazione una percentuale unica generalizzata, anche perché non vi è alcun motivo apparente che possa costringere gli stati membri ad aumentare il loro salario minimo al di sopra del salario minimo europeo previsto.

L’introduzione di un unico metodo europeo per la determinazione del salario minimo nasce probabilmente da motivazioni diverse da quelle prospettate. Oggi la politica sociale Europea è affidata all’autonomia di ciascun stato membro ed ogni tentativo di equalizzare l’approccio alla determinazione di un simile livello di uguaglianza sociale tra paesi con strutture economiche con diversi livelli di sviluppo, porta inevitabilmente a notevoli squilibri. Prova ne è l’esempio sul salario minimo applicabile in Bulgaria precedentemente illustrato, dove, anziché migliorare, porta a peggiorare il livello minimo dei salari.

Bisogna però tenere conto e prestare particolare attenzione alla politica europea portata avanti da alcuni stati, come la Francia, ad esempio e da altri Stati dell’area occidentale, perché è evidente la divisione della linea est-ovest. Gli Stati dell’area est, dove lo sviluppo economico è ancora ridotto, rappresentano, per gli stati dell’ovest, un’offerta di manodopera a basso costo e ad una tassazione molto ridotta e quindi una sorta di concorrenza sleale che creano “dumping sociale”.
Per questo motivo l’eventuale negazione della sovranità nazionale in materia di politica sociale e la delega delle decisioni al Parlamento Europeo, può portare ad una graduale attenuazione dei vantaggi competitivi che l’Europa orientale oggi può offrire.
Sulla base di quanto abbiamo appena espressa, possiamo dunque sintetizzare che l’introduzione di un salario minimo europeo generalizzato potrebbe portare alle seguenti conseguenze:

  • distorsione del mercato del lavoro,
  • mancata introduzione nel mondo del lavoro di lavoratori con istruzione, qualifiche ed esperienze inferiori alle medie europee;
  • riduzione dei posti di lavoro;
  • crisi di diverse aziende bulgare attualmente operanti nel territorio.

Sarebbe invece auspicabile che la politica economica dell’Europa si concretizzasse con una maggiore concorrenza piuttosto che su una maggiore solidarietà e bisognerebbe, per evitare gli effetti distorsivi di cui sopra, abbandonare completamente l’idea dell’imposizione dall’alto di un salario minimo europeo da adottare in ogni stato membro.

Al momento sappiamo ancora troppo poco per comprendere le vere motivazioni che spingono alcuni stati membri a proporre il salario minimo europeo, si ritiene che sia piu’ uno slogan politico che una reale volontà politica di realizzazione, ma, soprattutto per gli Stati dell’Europa Orientale, può rappresentare rischi di decrescita e di rallentamento dello sviluppo economico.

[1] dovremmo rendere necessaria distinzione tra stipendio medio e mediano – il valore mediano, che divide in due parti uguali di un lotto, in questo caso salario. È importante sapere che la mediana spesso differisce dalla media aritmetica, considerevolmente inferiore nel caso in esame. La media aritmetica non può essere utilizzato come base per salario minimo (salario minimo) poiché ogni aumento del salario minimo sollevandolo limitare significativamente il potenziale nadir.

Fonte: Infobusiness BCCI