NOTIZIE

3,7 MILIARDI DA TURISMO INTERNAZIONALE NEL 2019

 
I dati della Banca nazionale bulgara (BNB) mostrano una crescita dello 0,4% dei ricavi derivanti dal turismo internazionale rispetto all’anno precedente. Nel mese di dicembre 2019 la spesa dei viaggiatori stranieri in Bulgaria supera i 165 milioni di euro, registrando una crescita del 10% rispetto a dicembre 2018. Il numero dei turisti stranieri che hanno visitato il paese nel 2019 ha raggiunto 9,3 milioni. Nel mese di dicembre le visite turistiche sono state 479.276, in crescita del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. 
 

This image has an empty alt attribute; its file name is bulgaria.jpg
Fonte: ICE Sofia

A Bari è stata istituita una Camera di commercio e industria bulgaro-italiana

Il presidente della BCCI Tsvetan Simeonov ha incontrato Pasquale Lacazela, proprietaria di Net Solution SRL, e Tanya Tsaneva, associata all’agenzia. Lacazela ha informato dell’apertura ufficiale alla fine del 2019 della Camera di commercio e dell’industria bulgaro-italiana, con sede a Bari, in Italia.

Sono state discusse le modalità di cooperazione tra il tribunale misto e BCCI, nonché le prossime iniziative comuni.

Durante la conversazione sono stati discussi i servizi offerti da BCCI a beneficio del business, i database a sua disposizione e altri. Simeonov ha espresso il pieno sostegno della Corte per la nuova Camera.

Fonte Infobusiness BCCI

Budget alternativo per reddito più elevato (2020)

Per il 17 anno consecutivo, il Market Economics Institute presenta un bilancio statale alternativo a basso budget

Per la prima volta dalla crisi, il governo propone un bilancio con un bilancio delle entrate e delle spese per il 2020. I presupposti macroeconomici nel quadro di bilancio del prossimo anno presuppongono che le attuali dinamiche economiche saranno mantenute il prossimo anno. Allo stesso tempo, le previsioni autunnali della Commissione europea e del Fondo monetario internazionale mostrano un peggioramento delle aspettative di crescita nelle economie globali ed europee. Le ragioni del pessimismo stanno diventando sempre più evidenti: il rallentamento della crescita e degli investimenti domestici in Cina, l’incertezza nel commercio globale dovuta agli effetti poco chiari delle “guerre commerciali”, la forte dipendenza delle principali economie industriali europee dalle esportazioni verso i mercati esteri. Allo stesso tempo, è probabile che la crescita dell’UE rimanga a lungo repressa a causa di problemi strutturali con l’invecchiamento e la riduzione delle popolazioni, in ritardo di scienza, istruzione e innovazione tecnologica e elevati oneri normativi.

Il deterioramento dell’ambiente esterno, in particolare nei maggiori partner commerciali della Bulgaria, può portare a una riduzione delle esportazioni, alla riduzione dell’attività di investimento e alla riduzione dei posti di lavoro. Ciò rallenterà la crescita dei redditi e dei consumi e, più in generale, della fiducia delle famiglie. Con uno shock esterno più debole con effetti minimi sui settori delle esportazioni, è possibile uno scenario per il 2020 in cui gli indicatori economici chiave superino persino quelli stabiliti nel quadro macro-governativo. La Bulgaria è un’economia in ripresa e la “delocalizzazione” della produzione e dei servizi a lungo termine può continuare e persino accelerare, con investimenti privati ​​e reddito in aumento a un ritmo più rapido. I prestiti alle famiglie non sembrano rallentare negli ultimi mesi e possono continuare a superare le previsioni fintanto che tali tassi rimangono.

Contro questo quadro contraddittorio, il governo propone un bilancio con una crescita del gettito fiscale del 7%, che coincide con una crescita del PIL nominale di circa il 7% per il 2020. Ciò mette in discussione l’efficacia prevista delle misure per aumentare la riscossione delle imposte. Le spese, se escludiamo l’effetto una tantum dal pagamento per le armi, stanno crescendo allo stesso ritmo. Le priorità sono aumentare gli stipendi degli insegnanti e dei dipendenti nel settore del bilancio, nonché l’introduzione (ritardata) del sistema TOL. Dopo almeno cinque anni di crescita economica sostenibile, dovrebbero essere avviate riforme in numerosi sistemi di bilancio e programmi di spesa, mirando a cambiamenti a lungo termine degli incentivi e dell’efficacia nel raggiungimento degli obiettivi politici. Sfortunatamente, tali passaggi sono piuttosto un’eccezione.

L’analisi delle dinamiche attese delle economie europea e bulgara per il prossimo anno mostra una crescente incertezza. In tale contesto, la politica prudente è la ricerca di un avanzo di bilancio che agisce da cuscinetto nell’attuazione dello scenario negativo. Allo stesso tempo, va ricordato che il generoso budget delle spese, in particolare del capitale, ha svolto il ruolo di un buffer “nascosto” per diversi anni – il mancato rispetto dei costi lascia un margine significativo, che può o coprire il problema delle entrate non riscosse o essere distribuito e speso per decisione del dirigente.

 Aspetti salienti del bilancio alternativo dell’IME

Scommettiamo:

Fermare le tendenze negative degli aumenti fiscali e previdenziali e i passi concreti per ridurre l’onere fiscale e previdenziale, incl. eliminando alcune imposte – come la tassazione dei dividendi, gli interessi e i premi assicurativi;
Aumento dei salari del settore pubblico, incl. le retribuzioni del personale docente, ma anche una grave ristrutturazione dell’amministrazione: negli ultimi tre anni non sono state prese misure per ridurre il settore pubblico;
Modifiche reali alla sicurezza sociale per offrire più scelta alle persone – Riduzione delle prestazioni pensionistiche di 2 punti percentuali e trasferimento del 2 a.C. dall’assicurazione sanitaria alle compagnie private per rompere il monopolio della NHIF;
Riduzione della ridistribuzione del bilancio, misure di decentralizzazione finanziaria e pianificazione di un avanzo per rendere il bilancio più trasparente.
La proposta dell’IME è più ambiziosa in termini di costi, poiché è necessario aumentare l’efficienza e ridurre gli sprechi della spesa pubblica. Il bilancio è stato riformato laddove è più inefficace: in amministrazione e manutenzione gonfia, sussidi a determinati settori e spese in conto capitale discrezionali alla fine dell’anno.

La ridistribuzione nel bilancio alternativo dell’IME è di poco superiore al 34% del PIL, con un avanzo pianificato di 1.549,8 milioni di BGN Oltre alla riduzione dell’onere fiscale e della previdenza sociale e alla maggiore scelta nei sistemi assicurativi, l’alternativa dell’IME prevede un reale passi per il decentramento finanziario reindirizzando 2 punti percentuali di reddito ai comuni. Noi crediamo che tutto queste politiche porterebbero a una crescita più rapida, a redditi più elevati e al benessere della popolazione. Sfruttano il potenziale a livello locale e possono rafforzare la coesione regionale nel paese.

Concentrarsi sul decentramento fiscale

Il bilancio alternativo dell’IME prevede misure concrete per il decentramento finanziario, che superano 1/5 delle entrate derivanti dall’imposta sul reddito comunale. Si tratta di 876 milioni di BGN, che verrebbero percepiti nei bilanci comunali dalla tassazione del reddito dei cittadini bulgari. Inoltre, sono state apportate alcune modifiche alla sovvenzione per la perequazione e alla sovvenzione per spese in conto capitale, quest’ultima destinata a piccoli comuni a spese dei grandi centri regionali. In questo modo, i comuni avranno più risorse proprie e i trasferimenti statali saranno in grado di colpire i comuni più piccoli e più poveri e ottenere un effetto più coeso.

Nel 2020, lo stato prevede di fornire trasferimenti comunali per un importo di 4,2 miliardi di BGN, di cui 3,7 miliardi di BGN destinati alle attività delegate dallo Stato, 200 milioni di BGN sono un sussidio per le spese in conto capitale e 350 milioni di trasferimenti BGN per attività locali. Le entrate fiscali comunali nel 2020 saranno dell’ordine di 1 miliardo di BGN, cioè più di 4 volte inferiori rispetto ai trasferimenti totali dallo Stato. Questo rapporto predetermina la forte dipendenza dei comuni da trasferimenti e sussidi e spesso porta a un ritardo negli investimenti pubblici a livello locale. Il trasferimento di 1/5 delle entrate derivanti dalla tassazione del reddito comunale renderà le autorità locali più autonome e consentirà loro di perseguire una politica coerente e di lungo periodo verso le esigenze della località interessata.

Il 12 novembre, l’IME ha presentato una lettera aperta al Primo Ministro Boyko Borisov con una proposta per il decentramento fiscale, incentrando l’imposta sul reddito. La proposta mira a 1) collegare il bilancio comunale all’attività economica nel rispettivo comune, e in particolare ai posti di lavoro e al livello retributivo, e 2) per aumentare le entrate fiscali proprie dei comuni, che attualmente sono inferiori al 15% dei bilanci comunali. In questo modo, qualsiasi nuovo investimento e creazione di posti di lavoro, nonché qualsiasi aumento di stipendio o copertura del reddito grigio porterà automaticamente a maggiori risorse finanziarie nel bilancio comunale.

Fonte: Infobusiness BCCI

Moody’s ha innalzato le prospettive di rating del credito della Bulgaria a positive

Moody’s Investors Service ha innalzato le prospettive per il rating del credito bulgaro da positivo a stabile ed ha determinato il rating Baa2 in valuta estera e locale a lungo termine del paese.

Il cambiamento positivo riflette una positiva posizione di bilancio e prospettive favorevoli per la crescita economica. Il mantenimento del rating del credito di Baa2 riconosce l’equilibrio tra sviluppo fiscale e macroeconomico positivo e la prontezza dichiarata ad aderire all’area dell’euro e le sfide esistenti del paese derivanti da tendenze demografiche negative e dalla presenza di debolezze in alcuni settori politici.

L’Agenzia si concentra sul miglioramento delle prestazioni fiscali e sul perseguimento di politiche coerenti e prudenti. Negli ultimi anni, la Bulgaria è stata caratterizzata da un aumento delle eccedenze di bilancio, una costante diminuzione del debito pubblico, un miglioramento del merito creditizio, una significativa riserva fiscale e un impatto positivo della riforma delle pensioni sulla sostenibilità fiscale. Moody’s prevede che il saldo di bilancio rimarrà in attivo (0,8% del PIL) nel 2020, mentre il debito pubblico continuerà a diminuire e raggiungerà il 19% del PIL.

Secondo Moody’s, le prospettive stabili di crescita in Bulgaria sono condizionate dalla continua integrazione nell’UE e da una maggiore competitività. Dal 2015 l’economia è cresciuta del 3% annuo e l’Agenzia si aspetta che continuino sviluppi positivi nei prossimi anni, con l’economia in crescita attorno al potenziale. La crescita economica sarà inoltre sostenuta da alcuni importanti progetti infrastrutturali, come le autostrade Hemus e Struma, la linea ferroviaria Sofia-Plovdiv e il maggiore assorbimento dei fondi dell’UE. L’aumento della competitività è sostenuto dall’aumento delle quote di esportazione e dalle eccedenze delle partite correnti, che riflette miglioramenti strutturali nell’economia post-crisi.

Moody’s si aspetta che l’adesione simultanea a VM II e al meccanismo di vigilanza unico (SSM) contribuisca a politiche macroeconomiche solide e rafforzi ulteriormente le istituzioni. Sono previsti anche il piano d’azione per l’adesione per VM II e SSM, nonché sforzi per approfondire la cooperazione della Bulgaria con l’OCSE per incoraggiare l’adozione di ulteriori riforme per migliorare l’efficienza nel governo societario, nella pianificazione del bilancio e nella pubblica amministrazione.

Il rating può essere aumentato pur mantenendo uno sviluppo economico e fiscale positivo. Ulteriori progressi nel programma di riforme del governo (istruzione, assistenza sanitaria, imprese statali), nonché l’adesione all’area dell’euro e l’adesione all’MVU avrebbero anche un impatto positivo sul rating.

Fonte: Infobusiness BCCI

Il governo ha approvato un progetto di legge sugli emendamenti al codice fiscale e di assicurazione sociale e proposto all’Assemblea nazionale di accettarlo

Il Consiglio dei ministri ha approvato un progetto di legge sulla modifica e integrazione del codice di procedura fiscale e di assicurazione sociale e proposto all’Assemblea nazionale di accettarlo.

Il progetto di legge propone l’introduzione nella legislazione bulgara dei requisiti della direttiva del Consiglio (UE) 2017/1852 del 10 ottobre 2017 sui meccanismi di risoluzione delle controversie nell’Unione europea.

Il principale obiettivo delle proposte è quello di migliorare i meccanismi esistenti per la risoluzione delle controversie tra gli Stati membri dell’Unione europea per quanto riguarda l’interpretazione e l’attuazione degli accordi sulla doppia imposizione e Convenzione 90/43 6 / CEE del Consiglio, relativa all’eliminazione delle doppie imposizioni in relazione all’aggiustamento degli utili delle imprese affiliate (Convenzione sull’arbitrato dell’Unione).

Attualmente, le controversie sono risolte nel contesto della procedura di composizione delle controversie di comune accordo sulla base delle disposizioni dei trattati sulla doppia imposizione e della convenzione sull’arbitrato dell’Unione. La Convenzione prevede anche una procedura di arbitrato per la risoluzione delle controversie da parte di una commissione consultiva, che è raramente utilizzata.

Anche se questi meccanismi funzionano bene, dovrebbero diventare più efficienti e per superare alcune debolezze, come la mancanza di regole chiare in materia di accesso alla procedura, la sua durata e la liquidazione coattiva della controversia in modo vincolante. Migliorare le procedure esistenti è un modo per garantire a livello dell’UE che gli Stati membri dispongano di disposizioni procedurali più dettagliate per prevenire le controversie in materia di doppia imposizione affinché alle persone interessate vengano concessi maggiori diritti sia sulla procedura che sull’opportunità di affidarsi ai paesi membri per essere certi del raggiungimento di risultati vincolanti per entrambe le parti in causa.

Il progetto propone inoltre l’introduzione di regole per la formazione e consegna della documentazione necessaria ai fini di definire i prezzi di trasferimento in modo di di migliorare la legislazione fiscale in questo ambito. La documentazione obbligatoria sui prezzi di trasferimento sarà indispensabile al fine di dimostrare da parte dei soggetti passivi il valore corrente di mercato comparabile con gli effettivi rapporti commerciali e finanziari con parti correlate.

Nella determinazione delle norme nazionali sugli elementi obbligatori da indicare nella documentazione dei prezzi di trasferimento sono state adottate in gran parte le raccomandazioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e le raccomandazioni del Codice di condotta sulla documentazione dei prezzi di trasferimento per le imprese associate nell’Unione europea (DPT UE), adottato il 27 giugno 2006, dal Consiglio dell’Unione Europea.

Fonte: Infobusiness BCCI

Il 28 marzo, i deputati hanno votato il programma Erasmus + dal 2021 al 2027.


I deputati propongono un triplice aumento del bilancio e il rafforzamento della cooperazione con altri programmi europei. Dal loro punto di vista, la partecipazione di persone con minori opportunità dovrebbe essere incoraggiata, anche attraverso il supporto per l’apprendimento delle lingue, l’assistenza amministrativa e la fornitura di opportunità di e-learning.
Il 13 marzo, il Parlamento europeo ha approvato il proseguimento dei finanziamenti per tutti i progetti Erasmus + in corso, anche se la Gran Bretagna lascia l’UE senza un accordo transattivo.
Cos’è ” Erasmus +” è il programma dell’Unione europea a sostegno dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport in Europa. È iniziato come programma di scambio di studenti nel 1987, ma dal 2014 offre opportunità per insegnanti, stagisti e volontari di tutte le età.
Più di 9 milioni di persone hanno partecipato al programma da quando è stato istituito e solo i partecipanti al 2017 sono stati circa 800.000 persone. Erasmus + copre 33 paesi – tutti i paesi dell’UE più Turchia, Macedonia settentrionale, Norvegia, Islanda e Liechtenstein – ed è aperto ai paesi partner in tutto il mondo.
Secondo la Commissione europea, un terzo dei tirocinanti di Erasmus + riceve un’offerta di lavoro dall’impresa in cui ha svolto un tirocinio. Anche a cinque anni dalla laurea, il tasso di disoccupazione tra le persone che sono state addestrate all’estero è del 23% inferiore rispetto a chi non ha sfruttato questa opportunità.
Come si può accedere ad Erasmus +
“Erasmus + “offre opportunità per persone e organizzazioni in tutto il mondo. Tuttavia, la procedura di richiesta può variare da caso a caso. Leggi di più qui.

Fonte: Infobusiness BCCI