Opportunita per il sistema Italia

PERCHÉ INVESTIRE IN BULGARIA


La Bulgaria è uno dei paesi dell’UE che offre un ottimo clima per gli investimenti. Mentre il paese è una posizione chiave nella penisola balcanica, crea molte opportunità di buone relazioni con gli altri paesi dei Balcani, alcuni dei quali hanno già lo status di adesione all’UE. La Bulgaria è membro della NATO dal 2004 e membro dell’Unione Europea dal gennaio 2007.

Inoltre, è un dato di fatto che i costi del lavoro, delle tasse e dei salari sono tra i più bassi in Europa. Il 68,7% della popolazione è in età lavorativa. 60.000 studenti completano ogni anno l’istruzione superiore. Il sistema educativo è estremamente ben sviluppato.

Il 98% degli studenti delle università bulgare studiano l’inglese e l’87% degli studenti delle scuole secondarie superiori in Bulgaria studiano l’inglese come prima lingua straniera. Tedesco e francese sono insegnati come seconda lingua.

Alto livello di conoscenza ed esperienza nel settore IT – Bulgaria offre ottimi specialisti di computer, gli scienziati presso l’Accademia Bulgara delle Scienze, molto ben addestrato media tecnica personale.

La stabilità macroeconomica e finanziaria in Bulgaria sostenuto dal currency board, che è stato introdotto nel 1997 come tasso fisso del lev valuta locale a euro 1.958

Secondo le previsioni macroeconomiche dell’autunno, la crescita del PIL salirà al 3,7% nel 2019 a causa di maggiori investimenti pubblici e consumi pubblici.

In Bulgaria c’è una certa tassa fissa pari al 10% del reddito imponibile della società e 0% per le imprese operanti in aree con alto tasso di disoccupazione e un tax rate del 10% (flat tax) sul reddito delle persone fisiche. L’IVA è del 20 percento.

La politica finanziaria prevede un’esenzione IVA per 2 anni nel caso di investimenti superiori a 5 milioni di euro.

È prevista una tassa del 5% per i dividendi

Secondo le statistiche, si può affermare che ci sono bassi costi di manutenzione per uffici e altri immobili

Oltre ai suddetti fattori, l’economia bulgara offre buone opportunità per lo sviluppo di relazioni commerciali con i paesi dell’UE e con il resto del mondo. Uno dei principali fattori è la facilitazione dell’accesso ai mercati dell’UE. Inoltre, grazie alla sua posizione geografica, la Bulgaria è vicina ai principali canali commerciali internazionali.

RELAZIONI ECONOMICHE TRA BULGARIA E ITALIA


Come uno dei principali paesi dell’UE, l’Italia è uno dei principali partner economici e commerciali della Bulgaria. Per fare un confronto, nel 2016 le esportazioni di beni e servizi in Italia sono ammontate a 2.170,2 milioni di Euro (2 ° posto di importazione in Bulgaria dopo la Germania), pari al 7,6% del volume totale. Le importazioni dall’Italia in Bulgaria sono state pari al 7,3% del volume totale.
I beni e i servizi che sono stati esportati in Italia negli ultimi anni sono: rame raffinato e leghe di rame, oli minerali, getti di ghisa e acciaio – componenti in acciaio forgiato a caldo, lavorato e non trattato, che, secondo le esigenze dei clienti italiani, può essere realizzato con trattamento termico, tempra e lavorazione. L’esportazione di cilindri idraulici pneumatici come prodotti finiti, pompe idrauliche, ecc., Prodotti idraulici è molto forte. Di particolare importanza è l’esportazione di componenti realizzati in fogli normali e in acciaio inossidabile, lavorati con apparecchiature laser per vari settori del settore. Un’altra destinazione nell’esportazione dalla Bulgaria in Italia sono cereali, calzature, materiale elettrico e calzature e prodotti tessili, prodotti in pelle e cuoio, abbigliamento, prodotti provenienti dall’industria conserviera altamente sviluppata – composte, marmellate, marmellate, lattine e succhi di verdura .

UniCredit Bulbank


Qui dobbiamo sottolineare l’impressionante ruolo del più grande istituto bancario UniCredit Bulbank, una delle più grandi società italiane in Bulgaria, nonché un istituto bancario leader in Bulgaria con oltre 1 milione di clienti, attività per oltre 18,6 miliardi di euro, oltre 4000 dipendenti, diviso in oltre 170 rami
Le società bulgare, di proprietà di società italiane unite nell’organizzazione Confindustria Bulgaria, svolgono un ruolo importante negli investimenti diretti italiani in Bulgaria. L’associazione è composta per il 10,5% da grandi, il 15,5% da medi e il 75% da piccole e microimprese. Confindustria Bulgaria segnala attività imprenditoriali, per un totale di 2 miliardi di euro di investimenti diretti, vendite di 1,75 miliardi di euro e oltre 10 000 posti di lavoro.

Le importazioni dall’Italia sono state pari a 1 926,1 milioni di Euro (una crescita del 14,0% , una quota del 7,5% delle importazioni totali e l’Italia al terzo posto delle importazioni per la Bulgaria dopo Russia e Germania). Il saldo per la Bulgaria è negativo e ammonta a – 170 mila euro.

L’Italia nel 2018 ha esportato in Bulgaria prodotti alimentari per un valore di 127 milioni di euro (+8,4%) e le esportazioni di bevande italiane hanno totalizzato 42,1 milioni di euro (+97% rispetto al 2017).


Le importazioni dall’Italia sono le materie prime dell’industria petrolifera (oli di petrolio e oli da minerali bituminosi), automobili, prodotti finiti dell’industria tessile, calzaturiera e della pelle.