Scheda Paese

Резултат с изображение за карта на българия

 PROFILO DEL PAESE

La Bulgaria si trova nella parte sud-orientale dell’Europa, nella penisola balcanica

Area: 110,993,6 km2

Popolazione: 6,96 milioni di anime

Confini: Nord alla Romania. A sud con Grecia e Turchia

Ovest con Serbia e Macedonia, ad est con il Mar Nero.

Capitale: Sofia, situata nella parte occidentale del paese a 550 metri sul livello del mare, ai piedi della montagna Vitosha

Lingua ufficiale: bulgaro

Alfabeto: cirillico

Religione: cristiani ortodossi dall’est (85%), musulmani (13%), cattolici (1%)

Valuta: lev bulgaro (tasso di cambio fisso verso l’euro: 1 leva = 0,51129 euro)

DIVISIONE TERRITORIALE

Il territorio della Bulgaria è diviso in due macroregioni: la Bulgaria settentrionale e la Bulgaria meridionale (a loro volta divise in ovest, centro e est), che comprendono 28 distretti amministrativi.

Proseguendo da nord a sud, si trovano le seguenti regioni: il nord-ovest, che contiene le aree di Vidin, Vratsa, Lovech, Montana e Pleven; Centro Nord con Veliko Turnovo, Gabrovo, Razgrad, Ruse e Silistra; Nordest, dove si trovano i distretti di Varna, Dobrich, Targovishte e Shumen; Sud-est con Bourgas, Sliven, Stara Zagora e Yambol; Sud-ovest con Blagoevgrad, Kyustendil, Pernik, Sofia e Sofia; Centro meridionale, che contiene i distretti di Kardzhali, Pazardzhik, Plovdiv, Smolyan e Haskovo.

 POPOLAZIONE

Nel gennaio 2019 la popolazione della Bulgaria ammontava a 6 963 150 abitanti, che corrisponde all’1,4% della popolazione dell’Unione europea.

La popolazione maschile è di 3 363 879 (48,3%) e le donne 3 599 271 (51,7%).

 L’aspettativa di vita media è di 74,32 anni.

Il processo demografico di invecchiamento è stato costante negli ultimi anni.

Alla fine del 2017, il numero di persone di età pari o superiore a 65 anni era di 1 735 538 persone

Alla fine del 2017, la popolazione in età lavorativa era di 4 248 503, di cui 2 233 566 uomini e 2 014 937 donne.

 FESTIVITÀ UFFICIALI

1 Gennaio – Capodanno

3 marzo – Giornata di Liberazione Nazionale della Bulgaria dal dominio ottomano

1 maggio – Festa del lavoro e della solidarietà internazionale dei lavoratori

6 maggio – Festa di San George Giornata delle Forze Armate bulgari

24 maggio – Giorno della Pubblica Istruzione e della Cultura bulgaro e l’alfabeto slavo

6 settembre – Giorno della riunificazione Bulgaria

22 settembre – Giorno di indipendenza Bulgaria

1 novembre – Giorno della rinascita culturale della Bulgaria (di vacanza per tutte le scuole)

24 dicembre – Vigilia di Natale

25 e 26 dicembre – Natale

Pasqua – 2 giorni di vacanza senza una data fissa (vacanza Venerdì e Lunedi)

TRASPORTO

La posizione strategica della Bulgaria offre un eccellente potenziale per lo sviluppo della rete di trasporto del paese, assicurando i collegamenti tra l’Europa occidentale, Europa centrale e il Medio Oriente.

La rete di trasporto in Bulgaria è composta da:

Autostrade, strade nazionali I-st, II-ND e III classe con una lunghezza totale di 19,279.60 km, di cui ha aperto, suddiviso per classi come segue:

1. Autostrade 1089 km,

2. I strade classe 2991.1 km

3. Classe II strade 3799.6 km

4. III strade classe 11670.5 km

5. collega Strada 218,1 km

– La rete ferroviaria in Bulgaria è costituito da 4071 km di ferrovia a scartamento normale, di cui il 24% è raddoppiata e il 67% elettrificata.

– Fiume collega il Danubio e porti fluviali adiacenti

– Due importanti porti marittimi: Varna e Burgas

Porto di Varna

– Quattro aeroporti internazionali: Sofia, Plovdiv, Burgas e Gorna Oryahovitsa

Aeroporto di Sofia

– La Bulgaria è attraversata da cinque grandi corridoi di trasporto paneuropei

– Programma Trasporti TRACECA per rafforzare il legame tra l’Europa e l’Asia

Aeroporto di Burgas

ORDINAMENTO E GESTIONE DELLO STATO

Secondo la Costituzione del 1991, la Bulgaria è una repubblica parlamentare basata sul principio della separazione dei poteri. I simboli dello stato bulgaro sono la bandiera, l’inno, lo stemma e la Repubblica delle guardie.

Il Parlamento bulgaro, l’Assemblea nazionale è una camera unificata e consta di 240 deputati eletti per un mandato di quattro anni. Le delegazioni, il funzionamento e i compiti del Parlamento sono descritti nel terzo capitolo della Costituzione. Questi includono: le leggi di voto, il controllo sull’esecutivo, approvazione del bilancio, la pianificazione delle elezioni presidenziali, la selezione e che abroga il Presidente del Consiglio e, su suo suggerimento, il Consiglio dei Ministri di apportare modifiche nel governo su proposta del Presidente del Consiglio , la proclamazione della guerra, lo schieramento di truppe fuori dalla Bulgaria e la ratifica di trattati e accordi internazionali;

 Dal 2006, l’Assemblea nazionale ha eletto l’Ombudsman, che difende i diritti e le libertà dei cittadini.

Il Consiglio dei ministri è composto dal Primo Ministro, dal Vice Primo Ministro e dai Ministri. Dirige e dirige la politica interna ed estera in conformità con la Costituzione e le leggi, garantendo l’ordine pubblico, la sicurezza nazionale, l’amministrazione governativa e le forze armate.

L’attuale primo ministro è Boyko Borisov.

Il Presidente della Repubblica viene eletto direttamente dai cittadini per un periodo di 5 anni con diritto a una rielezione una tantum. Il Presidente è Capo dello Stato, Comandante Supremo delle Forze Armate e Presidente del Consiglio di sicurezza nazionale. Senza alcuna autorità o iniziativa legislativa, il Presidente può sottoporre la legge al Parlamento per la revisione anche se il Parlamento respinge il veto a maggioranza. Un vice presidente si unisce anche al presidente, che viene eletto anche durante le elezioni presidenziali.

Rumen Radev è il quinto presidente della Bulgaria eletto democraticamente per un mandato quinquennale a partire da gennaio 2017. È stato sostenuto come candidato dal Partito socialista bulgaro.

 RELAZIONI TRA LA BULGARIA E L’UE

Il Protocollo finale del Consiglio d’Europa alla Carta costituzionale europea del 29 ottobre 2004 è stato firmato a Roma a nome della Bulgaria dall’allora primo ministro Simeon Saxe-Coburg Gotha e poi dal ministro degli Esteri Solomon Passy.

Il 13 aprile 2005, il Parlamento europeo ha votato a favore dell’adesione della Bulgaria all’UE il 1 ° gennaio 2007.

Il 25 aprile dello stesso anno i contratti per l’adesione di Bulgaria e Romania all’Unione europea sono stati firmati con una cerimonia ufficiale a Lussemburgo. La parte bulgara trattato di adesione è stato firmato dal presidente Georgi Parvanov, il primo ministro Simeone di Sassonia Coburgo Gotha, il ministro degli Esteri Solomon Passy e il ministro degli Affari europei Meglena Kuneva.

Dopo l’adesione, i cittadini bulgari hanno libero accesso al mercato del lavoro di tutti gli Stati membri dell’UE.

Nel 2007 si sono svolte in Bulgaria le prime elezioni del Parlamento europeo. Nel 2009 si sono svolte le seconde elezioni dirette per i rappresentanti bulgari al Parlamento europeo. Oggi la nazione è rappresentata da 17 parlamentari.

Il 1 gennaio 2018, la Bulgaria per la prima volta ha assunto la presidenza semestrale del Consiglio dell’UE.

La Bulgaria ha 12 rappresentanti nel Comitato sociale europeo. Questo organo consultivo che rappresenta le organizzazioni dei datori di lavoro, dipendenti e altre parti interessate, formulare pareri su proposte legislative, che funge da ponte tra le istituzioni e il processo decisionale e cittadini, fornendo un quadro completo di tutti i cambiamenti nella sfera sociale e del lavoro degli Stati membri. Entro il 2016, la rappresentante della Bulgaria nella commissione è stata Kristalina Georgieva, che è stata vicepresidente della Commissione e Commissario europeo per il bilancio e le risorse umane.

La Bulgaria ha rappresentanti nel Comitato europeo delle regioni – l’incontro dei rappresentanti delle autorità regionali e locali nell’UE. Questo organo consultivo formula pareri su proposte legislative per garantire che le opinioni di ogni singola regione dell’UE siano prese in considerazione.

La Bulgaria ha partecipato al primo ciclo dei programmi operativi europei 2007-2013, avendo accesso ai fondi europei. Secondo il commissario per la politica regionale e la politica di coesione, Corina Kretu, in Bulgaria, con il 95% di assorbimento dei fondi UE, è tra gli Stati membri con la percentuale più elevata.

 STRATEGIA NAZIONALE DI SICUREZZA

I principi della politica di sicurezza nazionale

La strategia di sicurezza nazionale si basa sui principi di:

– legge e uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge;

– connessione e dipendenza tra sicurezza e diritti e libertà fondamentali dei cittadini;

– dialogo e partenariato tra cittadini, società civile e stato;

– fiducia tra le istituzioni pubbliche e cooperazione con il settore privato, le ONG, la società civile, gli alleati della NATO, l’UE e i paesi partner;

– consenso nazionale sulla politica di sicurezza nazionale;

– riunire la sicurezza nazionale con quella della NATO e dell’UE;

– proattività e coordinamento delle attività delle istituzioni e delle autorità pubbliche secondo le loro competenze;

– applicare l’approccio interistituzionale globale all’istituzione del sistema di sicurezza nazionale;

– chiarezza, trasparenza e responsabilità nella formulazione e attuazione delle politiche di sicurezza;

– efficienza ed efficacia delle attività esecutive e di gestione;

– controllo democratico del sistema di sicurezza nazionale.

GLI INTERESSI NAZIONALI SONO :

– garantire i diritti, le libertà, la sicurezza e il benessere dei cittadini, della società civile e dello stato;

– la preservazione della sovranità, l’integrità territoriale dello stato e l’unità della nazione;

– protezione dell’ordine costituzionale e dei valori democratici;

– proteggere la popolazione e le infrastrutture vulnerabili durante crisi, disastri e altri rischi e minacce;

– conservazione e sviluppo dell’identità nazionale basata sulla cittadinanza unica;

– assicurare l’integrità della società civile bulgara;

– superando i processi demografici negativi con un significativo squilibrio nello sviluppo delle regioni amministrative e di creare un ambiente economico e sociale per garantire lo sviluppo delle generazioni bulgari in grado di fornire una posizione adeguata della Repubblica di Bulgaria all’Unione europea nei processi politici, economici e finanziari e sociali nel mondo;

– sicurezza e certezza del diritto;

– sincronizzare le politiche di sicurezza della Bulgaria con l’UE e la NATO per raggiungere standard operativi comuni;

CONTESTO POLITICO

– mantenere relazioni di buon vicinato e garantire sicurezza e stabilità regionali;

– sviluppo della cooperazione regionale nella regione del Mar Nero;

– garantire la sicurezza energetica attraverso la diversificazione dei tipi di energia, delle fonti e delle rotte per l’approvvigionamento energetico e le materie prime strategiche;

– promuovere l’istruzione, la scienza e la ricerca applicata nello spirito dei valori nazionali ed europei;

– assicurare stabilità economica, finanziaria e sociale e prosperità economica;

– prevenzione e lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata;

– reprimere i crimini contro la persona e la proprietà;

– preservare l’alta qualità dell’ambiente e delle risorse naturali.

ECONOMIA E MERCATI 

Secondo recenti dati dell’Istituto Nazionale di Statistica, il PIL reale per il 2018 è cresciuto del 3,1%, superando in modo significativo la crescita media del 2% registrata nell’UE nello stesso periodo. L’economia bulgara ha accelerato in modo significativo la crescita e consolidato segnali positivi per i consumi interni, che sono stati il ​​principale motore della crescita negli ultimi anni. Consumo finale nel 2018 ha registrato una crescita economica positiva del 6,9%. Coerentemente con la tendenza consolidata degli ultimi cinque anni, la crescita economica continua a essere sostenuta dal settore dei servizi. Forte espansione negli ultimi anni. ha anche preso atto dei settori del commercio, dei trasporti e degli alberghi, nonché del settore immobiliare, che ha tratto grande beneficio dalla ripresa del mercato.

Secondo i dati NSI Inflazione dall’inizio del 2018 (Novembre 2018 vs dicembre 2017) era del 2,7% e l’inflazione annuale nel novembre 2018 rispetto a novembre 2017 era del 3,1%

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, è possibile osservare una ripresa stabile a causa dei cambiamenti strutturali in atto. Nonostante il miglioramento dell’occupazione, il livello di disoccupazione di lunga durata, che colpisce la popolazione meno istruita del mondo, è in costante aumento. Tra i principali problemi sul mercato del lavoro vi sono la disoccupazione giovanile e la scarsa iniziativa dei partecipanti al mercato del lavoro.

Il mercato del lavoro, sebbene uno dei segmenti più colpiti nella crisi economica 2009-2010, ha registrato una forte ripresa negli ultimi anni. Per il 2017, secondo Eurostat i disoccupati in età lavorativa in Bulgaria è del 6,1%, rimanendo al di sotto l’Unione Europea, che è del 7,5%. Sebbene i redditi reali siano aumentati nel 2018, i costi del lavoro in Bulgaria rimangono bassi rispetto ai livelli medi di retribuzione nell’UE